PROGETTO #2

r__145026

Finito il mio primo assemblage tessile: un tessuto creato da altri tessuti mixati a dei filati e alla tecnica del sashiko. Per me è una evoluzione del patchwork, sia perchè perde le misure geometriche e sia perchè composto di tessuti pregiati e riusati ma destrutturati.
Misure: 53×35 cm
Prototipo di tappeto astratto, o tendaggio pesante, o federa cuscino
Materiali: cotone (blu scuro e beige), seta (blu a righe), crepes di seta (marrone), lana (maglia), poliestere (ricamo sashiko e cuciture)

Fa parte, dello studio-colore che ho intrapreso sui tessili, la ricerca di una tecnica che sia li assembli (senza il classico effetto patchwork) e sia li decori come un ricamo astratto. Il sashiko (una tecnica di ricamo giapponese molto antica) per me aiuta abbastanza questo mio intento. Il sashiko riesce quasi a “destrutturare” un tessuto, decorarlo e rinforzarlo. #process

ESPERIMENTI TESSILI

View this post on Instagram

Perché usare il nr di ferri doppio (anche triplo) rispetto al filato lavorato? 🤔 Beh, perché un'intercapedine d'aria tra le maglie trattiene di più il calore, ma poco ce ne frega in piena estate. 😅 Il motivo per cui lo faccio io é preparatorio ad una lavorazione che sperimento da poco e che mi riempie di soddisfazione, perché è bellissima. ✨ Nel prossimo post la mostrerò! Aspettami 🌺 . . . . . . #lavorareamaglia #knitting #knittersofinstagram #magliaaiferri #lamaglia #lavorazioneartigianale #knittingaddict #knitter #melaniaemma #somethingpink #pink #rosa #fattoamano #handmade #madeinitaly🇮🇹 #madeinitaly #workinprogress #process #yarn #yarnporn #filati #filatinaturali #sustainability #fiberart #fiberartist #fiber #handwork

A post shared by melaniaemma visual artist (@melaniaemma.studio) on

View this post on Instagram

Come promesso nel precedente post, ecco il perché lavoro un filato coi ferri grandi: per cucire un "rinforzo" a contrasto e ottenere una maglia con un'estetica molto piacevole da vedere e da toccare. Non è carino? 🧶 . Probabilmente questa lavorazione ha un nome ed esiste chissà da quanto, forse qualcuno lo sa? 🧵 . Io ho solo scoperto quanto è rilassante e ipnotico #cucire, ma questo lo racconterò in un altra puntata 🌞 così come lo scopo di tutto questo. . . . . . . #lavorazioneartigianale #lavorareamaglia #knittingaddict #knitter #knittersofinstagram #magliaaiferri #knitting #knitter #melaniaemma #fattoamano #handmade #madeinitaly🇮🇹 #madeinitaly #workinprogress #process #yarn #yarnporn #filati #filatinaturali #sustainability #fiberart #fiberartist #cucitocreativo #assemblage

A post shared by melaniaemma visual artist (@melaniaemma.studio) on

r_143651_207

r_183915_417

INDUSTRIAL SUNFLOWERS

IMG_20200526_190351_025

Luce serale naturale

IMG_20200526_190351_028

Luce diurna naturale

Qualcuno di voi si sarà accorto che da settimane posto nelle storie IG solo girasoli 🌻e glitter ✨e ho creato addirittura un highlight si sa mai che qualcuno avesse perso le stories. 😁
Ok, ora i miei bambini sono finalmente andati a casa loro, cioè dal cliente che me li aveva commissionati a febbraio scorso e con cui il lockdown mi ha costretta a passarci una quarantena assieme (ai girasoli).
Posto qui qualche video e foto con luce diurna e notturna naturale senza filtri.

Tutti i video completi sono sul mio canale YouTube.

Lo scopo era proprio accendere un pó di colore in una stanza esposta a nord, quindi buia per la maggior parte del giorno e allo stesso tempo avere alla sera una “bella macchia di colore” (per dirla con le parole del mio cliente).
Quello che mi ha divertita di più, é stata la parte del cartone alveolare, che somiglia così tanto al centro del fiore reale. Li ho poi ricoperti di glitter per farli brillare anche la sera.

Volevo dei fiori industriali e un pó cyborg e penso di esserci riuscita con un materiale molto versatile.
Il cartone alveolare é talmente forte che puoi camminarci sopra senza guastarlo, proprio come i girasoli. La sua forza sta nell’accoppiare gli alveoli di cartone perfettamente perpendicolari tra due fogli di altrettanto cartone.

Per non esporre i fiori a deformazioni dovute all’umidità ambientale, ho voluto incollarli su pannelli di altro alveolare, ma di plastica rigida, così da mantenere la leggerezza e l’invisibilità.
Praticando poi un semplice buco nella plastica, li ho appesi al muro con un normalissimo e invisibile chiodino.