SCELTE

_093033_780

Ancora prove con Snapseed. La trovo una app veloce e accessoriata, utile per schizzare idee direttamente dallo smartphone e per tenerle sempre in tasca.

[La scelta però l’ho realmente fatta un anno fa in questi giorni indimenticabili, rivelatasi una delle migliori per la mia vita]

Annunci

LIKE

IMG_20190719_110005.jpg

Il giorno che Instagram ha deciso di oscurare random i like, ed io sono stata scelta. La cosa inizialmente è stata scioccante, poi ne ho apprezzato subito il vantaggio: il non sapere è liberatorio. La libertà è sempre uno shock. Life.

SEI UN VERO EMPATICO?

r161921

L’empatia é ascolto di ciò che non si ode.
Ma non è un ascoltare annuendo, col viso sorridente e occhietti lucidi. No. E sopratutto non è dare senza fondo o dimenticarsi di sè. L’empatico si immedesima e accoglie, ma non si lascia fagocitare. Egli sta “di lato”: il vero empatico non ascolta mai letteralmente ma LATERALMENTE. Ascolta cosa “sente”. Riceve tutta una serie di informazioni che le parole non danno, perché le parole non dette sono quelle che veramente parlano e lui lo sa. D’istinto.
Egli valuta il sinonimo scelto. La sfumatura. La pausa. Riceve informazioni da una mano messa in tasca, da come l’occhio rotea, dalle pieghe della bocca, dai sospiri, dalle modifiche del tono del suo interlocutore. Egli “sa” sempre se la persona che ha davanti é autentica o recita.
In pratica un empatico è un grande comunicatore e spesso non lo sa.
Una persona senz’anima farà molti corsi per imparare i tricks and tips della Comunicazione, ma un empatico sarà molto probabilmente il suo miglior docente.
Se sei un vero empatico, ricorda che fai parte di una percentuale molto esigua di esseri umani sul Pianeta, quindi proteggi e dosa ciò che esce da te e fidati assolutamente di quello che entra.
Melania Emma

(grafica-prova realizzata con Snapseed)