DI TE, NON RACCONTARE TUTTO A TUTTI

IMG_20200805_202958_465.jpg

Se ti piace il dolore, ecco un modo per soffrire: dare informazioni dettagliate di te, nell’illusione di venire accettato.
Magari amato.

Bisognerebbe dare tutti i pezzi di te solo se conviene farlo o se sei tenuto a farlo. Andrebbero distinte le persone dell’ufficio dalle persone della vita quotidiana, da quelle intime, da quelle della domenica, da quelle dei gruppi, da quelle delle vacanze, ecc. Andrebbe distinto chi sei e quello che di te scrivi, magari nel web, come me. Non tutto si può dire dappertutto o a chiunque.

Alcune cose ben mirate basta dirle ad una persona sola per farla sapere “in un certo modo” ad un mondo intero. Altre cose aspettano solo il “canale” giusto per essere svelate. Insomma, sei tu il capitano della tua sensibilità e della tua vera storia. Le persone sono veicoli, perciò andrebbe dato loro solo quello che ti serve che sappiano, perché se ti dai completamente cedendo alla voglia di “liberarti”, é come se tu vivessi sempre in famiglia o tra persone fidate. Irrealistico, no?

Io, per esempio, ho vissuto decenni in un ambiente di lavoro dove ho dato solo una versione di me, la più conveniente. E ho fatto bene, perché le persone ne han fatto brandelli, ricomposti poi in versioni sempre più grottesche: le persone degne di te, sono rare. La maggior parte ha solo un prurito morboso e, se la tua storia è reale e sofferta, devi tutelarla. Ad alcune di loro, ancora oggi, sto attenta a non rovinargli la versione di me fornitagli.

Perciò, l’illusione che svelando le varie sfaccettature di te sarai poi “letto” nel modo giusto, capito, compreso e soprattutto amato, é uno dei modi per farsi davvero molto male.

“Ma allora devo vivere a compartimento stagno?”, in pratica sì, anche se nulla ti vieta di sederti in TV e darti in pasto al popolo. Ad alcuni piace proprio così.

Melania Emma

2 pensieri riguardo “DI TE, NON RACCONTARE TUTTO A TUTTI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.